in , , ,

Chiusura del Mercato Ittico di Palermo. Il Sinalp ed Enbilgel si oppongono

Apprendiamo dai lavoratori del Mercato Ittico di Palermo che l’Amministrazione Comunale ha intenzione di chiudere la struttura dal 16 Giugno per effettuare lavori di adeguamento alle vigenti normative sulla sicurezza ed al miglioramento della sua fruibilità. 

Ci rendiamo conto che fin da quando esiste questa struttura, non si è mai intervenuto, in maniera radicale, per ammodernarne gli spazi e renderli idonei sia per gli operatori che per i clienti e quindi della necessità di questo intervento.

Ma come SINALP ed ENBILGEN Sicilia denunciamo questa decisione sia per una errata tempistica dell’intervento sia per una mancata programmazione di un sito alternativo durante tutto il periodo di chiusura.

Siamo preoccupati sulla effettiva durata di questa chiusura viste le passate esperienze su interventi di ammodernamento o ricostruzione di strutture pubbliche che si sono susseguiti in Sicilia con lentezza bibblica in grado di distruggere economie ben più consolidate della nostra.

La Sicilia, colpita mortalmente da una crisi economica e sociale, ulteriormente aggravata dalla pandemia COVID-19, non può permettersi il lusso di chiudere strutture o enti senza aver programmato alcuna alternativa per salvaguardare gli operatori economici interessati ed i livelli occupazionali garantiti.

Il Mercato Ittico di Palermo è un polo di distribuzione dei prodotti ittici fondamentale per le Provincie di Palermo, Trapani, Agrigento e Caltanissetta.

Gli operatori del comparto pesca di queste provincie hanno necessità vitale di poter usufruire, senza alcuna interruzione, di tale struttura; la sua mancanza certificherà la distruzione del comparto ittico della Sicilia occidentale.

Già questi mesi di chiusura forzata dell’economia italiana a causa della pandemia ha ridotto, in Sicilia, gli scambi commerciali nel settore ittico di ben il 90% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Se andiamo ad aggiungere a questa debacle anche la intempestiva ed improvvida decisione di chiudere la struttura otteniamo la definitiva scomparsa del comparto ittico in Sicilia con la rovina di tutte le imprese operanti nel settore e con il licenziamento dei loro dipendenti, oltre alla condanna a morte dell’indotto che gravita attorno al Mercato Ittico di Palermo.

photo-2020-05-17-17-48-42

Vogliamo ricordate a tutti che il comparto ittico Siciliano rappresenta da solo ben il 55% dell’intero comparto Nazionale, questo semplice dato serve a far capire l’importanza economica che riveste il Mercato Ittico di Palermo per la Sicilia Occidentale.

Il Segretario del Sinalp Sicilia Dr. Andrea Monteleone e il Delegato Regionale di ENBILGEN Sicilia Dr.ssa Serena Giuliano chiedono al Sindaco Orlando, prima di chiudere l’attuale struttura, che sia disponibile uno spazio adeguato a poter accogliere tutti gli operatori interessati evitando la loro definitiva scomparsa.

 Se non è stato approntato alcun piano alternativo, SINALP ed ENBILGEN ritengono un madornale errore la chiusura del Mercato Ittico.

Se la Giunta Comunale vorrà comunque procedere alla chiusura, la riterremo responsabile dei licenziamenti di migliaia di lavoratori, dipendenti delle aziende che saranno costrette a chiudere l’attività per mancanza di una struttura necessaria a poter commercializzare il loro pescato, oltre naturamente i dipendenti dell’indotto. Pertanto le Segreterie Regionali di Sinalp e di Enbilgen invitano gli operatori ed i loro dipendenti a unirsi per affrontare al meglio questa ulteriore nuova emergenza. I nostri uffici di Via G. Serpotta 53 Palermo tel. 091333195 sono a disposizione per programmare una serie di interventi necessari a salvaguardare gli operatori ed i dipendenti al loro diritto alla vita.

La Direzione Regionale Sinalp                          La Direzione Regionale Enbilgen

 Dr. Andrea Monteleone                                                            Dr.ssa Serena Giuliano

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

EdicolaNews. Le Prime Pagine di oggi 8 Giugno

Dopo un lungo stop riaperti i sentieri delle Madonie