in , , ,

BC Sicilia. Visita virtuale alla Grotta Regina, il più importante Santuario Punico del Mediterraneo

Promosso da BCsicilia, Associazione per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali dei beni culturali e ambientali, nell’ambito della campagna #iorestoacasa, si terrà venerdì 19 febbraio 2021 alle ore 17,00 una visita virtuale alla Grotta Regina, il più importante Santuario Punico del Mediterraneo situata a Monte Gallo a Palermo. L’iniziativa nasce da un’idea di Fabbrizio Giuffrè e Antonio Bommarito.
La grotta della Regina si apre sul monte Gallo in prossimità di Mondello. Già le caratteristiche morfologiche lasciano trasparire la sacralità che caratterizzò questo luogo sin dall’antichità. Al di là di alcune pitture di periodo preistorico, una serie di disegni e di iscrizioni alle pareti dimostrano con chiarezza che la grotta costituì in periodo punico uno dei più importanti santuari del Mediterraneo, sicuramente l’unico attualmente scoperto ed attivo dal VII secolo a.C al II secolo d.C.

photo-2020-09-30-21-28-57
photo-2020-05-17-17-48-42

I disegni comprendono la figura di un guerriero con un cavallo, figure di animali e di navi e soprattutto una serie di epigrafi in caratteri punici e neo-punici (ma anche in caratteri libici e numidici) rivolte a dei del pantheon punico-egiziano, tra cui Shadrapa (dio guaritore, protettore dei medici), Melqart (dio della città di Tiro, assimilabile ad Ercole), Iside (dea regina degli dei, da cui il nome della grotta) ed Osiride. Le epigrafi tradotte manifestano le preghiere, i voti, le promesse dei fedeli, prettamente marinai, e le maledizioni contro i nemici, tra cui la celebre dicitura “Non danneggiate il podio, chi cancella sia maledetto!”, forse l’intenzione dei sacerdoti di arginare certi malcostumi. Sulla roccia si individuano anche i disegni di due navi tipicamente cartaginesi, analoghe ad altre meno conosciute, come quella della montagnola di S. Elia (mattanza o cetaceo); alcuni studiosi hanno voluto vedere nella nave la rappresentazione della processione del “NavigiumIsidis”, ossia la nave descritta dal latino Apuleio e per l’appunto legata al culto egizio di Iside, dea madre del mare, delle messi e dei defunti.


In allegato foto Grotta Regina.

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Dai mari di Auckland (NZ) il timoniere palermitano Francesco Bruni, non dimentica la sua città. “Grande Italia, forza Palermo”

Venti professori vaccinati a Palermo: “Un giorno importante dopo tanti sacrifici”