Polizzi Generosa. Sviluppo artistico nel nuovo palazzo della cultura. Intesa con l’Accademia delle Belle Arti di Palermo

Con la deliberazione della Giunta municipale di ieri, con la quale si è “Preso atto dello schema di protocollo con l’Accademia delle Belli di Palermo per la promozione e lo sviluppo di attività artistico- culturali nella città di Polizzi Generosa”, si continua a delineare sempre più la funzione di Palazzo della Cultura avviato dall’Amministrazione comunale.

photo-2020-09-30-21-28-57
photo-2020-05-17-17-48-42

Grazie al trasferimento degli uffici di segreteria già deliberato a ottobre scorso, l’intera ala liberata, messa nella disponibilità dell’Accademia delle Belli Arti, sarà destinata a area espositiva d’arte per l’allestimento di mostre permanenti o temporanee. Con la firma del protocollo d’intesa che avverrà nei prossimi giorni, sarà così possibile programmare e gestire eventi artistico-culturali volti alla conoscenza dell’arte contemporanea nonché a favorire l’alta formazione dei giovani artisti siciliani e stranieri attraverso l’offerta di corsi, laboratori, incontri di studio, residenza di artisti di diversa nazionalità, oltre che realizzare mostre che individuino la grande complessità dell’attuale panorama artistico (pittura, scultura, disegno, installazione, fotografia, video performance, grafica, fashion design, graphic design, ambienti sonori, nuovi media ecc. ecc.).

Insomma, Polizzi Generosa diventerà nel tempo palcoscenico per attività di rilievo e prestigio che accresceranno le potenzialità culturali, turistiche ed economiche della città.Un altro importante tassello per infrastrutturare e realizzare l’idea di “Polizzi città della Cultura e della bellezza” è stato fissato.

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Coesione, visione e speranza per la crescita di Polizzi Generosa. Il sindaco Librizzi in una lettera si rivolge ai consiglieri

Un Ronaldo così, alla Juventus non serve proprio