in , , , ,

Nuovo impianto di rifiuti a Castellana Sicula. Si produrrà compost e biometano, pubblicato il bando

Sorgerà accanto alla discarica esistente e darà nuova vita alle frazioni differenziate. Il progetto è curato dalla Srr Palermo Provincia Est che ha pubblicato il bando per la costruzione e la successiva gestione della struttura. Il presidente Lapunzina: “Consentirà un notevole abbattimento dei costi e verranno raggiunti importanti obiettivi ecologici”

Un impianto per il trattamento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata dei 38 Comuni soci della Srr Palermo Provincia Est. Sorgerà in un’area limitrofa alla discarica di Castellana Sicula, in località Balza di Cetta. Pubblicato, sul sito della Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti, il bando di gara per l’affidamento della concessione, la progettazione definitiva ed esecutiva, la costruzione e la successiva gestione della struttura che consentirà il recupero della frazione umida, tramite una sezione di digestione anerobica per la produzione di biometano, e il trattamento, con recupero di materia, della frazione residuale. A questo si aggiunge la pre-lavorazione e messa in sicurezza dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) e il pretrattamento dei rifiuti ingombranti.

photo-2020-05-17-17-48-42

“L’impianto che si intende realizzare, per un investimento previsto a carico del soggetto promotore pari a circa 39 milioni di euro, è moderno  – ha dichiarato il presidente della Srr Rosario Lapunzina – e pensato secondo le migliori tecnologie disponibili. Saranno conseguiti importanti obiettivi ecologici e raggiunta l’autonomia impiantistica per il territorio, con notevole abbattimento dei costi per i Comuni e, conseguentemente, per i cittadini. Quindi verranno raggiunti obiettivi ecologici ed economici. Il giusto mix per uno sviluppo sostenibile. Dopo l’affidamento dei servizi in tutti i 38 Comuni soci con la realizzazione di questo impianto la Srr Palermo Provincia Est ha raggiunto tutti gli obiettivi fissati nel Piano d’ambito e previsti dalla Legge regionale 9/2010”. 

Leggi e scarica il bando di gara

Alia, Alimena, Aliminusa, Altavilla, Baucina, Blufi, Bompietro, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice di Fitalia, Campofelice di Roccella, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalà Diana, Cefalù, Cerda, Ciminna, Collesano, Gangi, Geraci siculo, Gratteri, Isnello, Lascari, Mezzojuso, Mezzomaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi, Pollina, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Termini, Trabia, Valledolmo, Ventimiglia di Sicilia e Villafrati i Comuni che usufruiranno della struttura. “Ringrazio il presidente Lapunzina, i funzionari e i tecnici della Srr per il lavoro svolto che – commenta il sindaco di Altavilla Pino Virga – porterà a una radicale svolta, ecologista e moderna, nella gestione del ciclo dei rifiuti”.

La concessione durerà 25 anni, a partire dalla data di entrata in servizio dell’impianto. Per partecipare alla gara c’è tempo fino alle ore 13 del 5 maggio.

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Polizzi Generosa. Convocazione del consiglio comunale giorno 24 Marzo

Attenzione e investimenti per il territorio siciliano dal “Recovery Plan”. Mario Cicero e altri 300 sindaci scrivono a Draghi