in , , , ,

Riduzione delle bollette TARI come incentivo a una maggiore raccolta differenziata. Polizzi Generosa aderisce alla rete dei comuni Rifiuti Zero

di Antonio David – E’ stato un chiodo fisso quello  della nuova amministrazione comunale di Polizzi Generosa, in concomitanza con il gruppo di Costruire Comunità,  quello di portare accorgimenti sostanziali in ambito di acque e rifiuti. Problematiche avute nel tempo e ripercussioni sostanziali sui costi sulla cittadinanza che per svariati motivi negli anni passati continua a pagare di tasca propria per aver pochi servizi degni di essere ricordati. Oggi, il vice sindaco Angela Madonia, assessore al ramo e l’assessore ai Lavori pubblici AdeliaTermini, dopo un sopralluogo nei comuni aderenti all’associazione dei comuni Rifiuti Zero, tra cui il comune di Ferla (CT) hanno messo in atto lo step successivo ed attuare il piano di adesione a tale progetto.

Posta l’attenzione al potenziamento della raccolta differenziata perché fondamentale per la riduzione degli sprechi, dei costi di smaltimento e dell’inquinamento ambientale. In tal senso, per il raggiungimento dell’obiettivo rifiuti zero, i cittadini devono essere coinvolti e responsabilizzati ma l’Amministrazione deve trovare le soluzioni più adeguate. le regole, devono essere solo l’ipotesi estrema per casi estremi. Essi da solo non risolvono il problema. Per questo devono essere introdotti sistemi in uso presso altre realtà locali, in grado di premiare i cittadini che effettuano la raccolta differenziata, riducendo di fatto la Tari;

photo-2020-05-17-17-48-42

Incentivare sempre più la differenziata attraverso l’uso di card che possano verificarne la correttezza dello smaltimento e così usufruire di uno sconto nella bolletta è la priorità. I modi per attuare questi sistemi sono diversi. Per esempio, l’introduzione di cassonetti intelligenti con l’uso di una smart
card familiare. Nessuna utopia, semplice realtà: si tratta di una tecnologia già disponibile che aspetta solo di essere utilizzata. Il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nel territorio si contrasta sia attivando maggiori controlli sia con la sensibilizzazione della popolazione ma anche con la realizzazione di mini
isole ecologiche dotate di sistema di rilevamento con l’uso di card personali per zone di residenzialità. Promuovere il compostaggio domestico e di comunità o contenitori per il recupero di olio alimentare usato e la dotazione di campane apposite presso l’isola ecologica in grado di raccogliere lo scarto; oppure, ancora, promuovere l’uso di cestelli con bottiglie di vetro, è un buon sistema per incentivare un maggiore coinvolgimento dei cittadini nella pratica di politiche virtuose, senza le quali non sarà mai possibile far diventare i rifiuti da ‘problema’ a ‘risorsa’. Il motto che guiderà l’Amministrazione è: chi più differenzia meno paga!

Polizzi Generosa è stato nello scorso anno l’ultimo paese del comprensorio madonita per la classificazione della raccolta differenziata, con il 44.68% tra i 15 comuni aderenti all’AMA, lontana dai target europei che impongono almeno il 65%. Dunque, oggi l’amministrazione ha in fase di realizzazione il Centro Comunale di Raccolta; le casette ecologiche lungo le vie di accesso al paese, la SS643 e la SP 119, al fine di eliminare alla radice l’attuale problema dei cassonetti a cielo libero con un sistema di accesso e conferimento fidelizzato dei nuclei famigliari residenti in campagna a mezzo della propria tessera sanitaria e telecontrollo; Programmi e traguardi che devono mirare  a raggiungere obiettivi a breve e lungo termine e cioè di intraprendere il percorso verso il traguardo dei “Rifiuti Zero” entro il 2027 stabilendo per il 2021 il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata per il 2022 il 75% e per il 2025 il 85%.

photo-2020-09-30-21-28-57

Agire e prendere atto di una questione non più tollerabile su tanti fattori che anno penalizzato cittadinanza,ambiente e sistema ecologico e la proposta di delibera è già un passo avanti per un cambiamento immediato,voluto e dovuto alla cittadinanza

https://drive.google.com/file/d/1aHdAqDWYFLgW8DPYGNt-Psi9SlZS5qvy/view?usp=sharing

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Vaccinato l’uomo più longevo d’Italia. Antonio Turturici, 109 anni e vive a Caltabellotta in Sicilia. Vita semplice, aria pura, cibo sano

A Pollina la mensa scolastica costa meno con Donacod