in , , , ,

Petralia Sottana. Seconda tappa nel borgo Bandiera Arancione del Touring nel Parco delle Madonie

Seconda tappa siciliana, nel borgo Bandiera Arancione del Touring nel Parco delle Madonie, per Diego Passoni e Andrea Pinna, tra incontri, esperienze e avventura

Seconda tappa di Va’ dove ti porta il Touring il nuovo progetto del Touring Club Italiano che vede protagonisti Diego Passoni e Andrea Pinna alla scoperta di 4 borghi Bandiera Arancione in tutta Italia.

Dopo Castelvetro di Modena (qui il racconto della prima tappa), i nostri viaggiatori d’eccezione si sono spostati in Sicilia, a Petralia Sottana, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano immerso nel Parco regionale delle Madonie, dove hanno ammirato le bellezze del borgo, gustato i prodotti tipici, incontrato alcune realtà virtuose del territorio e vissuto lo splendido contesto naturalistico, con un pizzico di avventura.

Segui le pagine Instagram Touring Club Italiano, Bandiere Arancioni e i profili di Diego Passoni e Andrea Pinna per partecipare, per ora virtualmente con post e stories, a questo viaggio.

Ecco com’è andata e alcuni suggerimenti su cosa vedere e cosa fare in questo bellissimo borgo e nei dintorni.

DORMIRE IN UNA CASA SULL’ALBERO E FARE ATTIVITÀ NELLA NATURA AL PARCO AVVENTURA MADONIE

Nel territorio di Petralia Sottana la resilienza passa anche per la valorizzazione delle grandi risorse naturali, in particolare quelle del Parco delle Madonie. Oltre alle svariate classiche attività che si possono svolgere in un territorio boschivo dotato di grande biodiversità, dal trekking alla mountain bike, dal bird watching allo sci in inverno, si può anche godere delle strutture del Parco Natura-Avventura Madonie (Località Gorgonero, tel.  3317075029, info@parcoavventuramadonie.it). Un’esperienza unica, da comporre con svariate attività come hanno fatto Diego e Andrea che hanno unito l’alloggio in una caratteristica casa sull’albero ad attività sportive più avventurose, come il lancio dal powerfan e diversi percorsi acrobatici. Per saperne di più sul Parco Avventura, c’è il nostro approfondimento dedicato.

GUSTARE LA CUCINA TIPICA SICILIANA AL CASTELLO

Per gustare la buona cucina madonita suggeriamo il ristorante “Il Castello” (Via Generale di Maria 27, tel. 0921641250, info@il-castello.net) come Diego e Andrea potranno testimoniare. Ricavato nell’antico teatro del Castello, a gestione familiare, propone una cucina ricca di prelibatezze locali e ricette tipiche, come il tris di caponatine mela, zucchine e melanzane o il mix di pomodori secchi, involtini di zucchine, carote in agrodolce, funghi. Da assaggiare la gustosa pizza preparata con sapienza artigianale, pura acqua delle Madonie e “48 ore” di lievitazione naturale. Curiosità: nel 2016 hanno partecipato al 25° Campionato Mondiale della Pizza, un evento unico per confrontarsi con centinaia di pizzaioli provenienti da tutto il mondo.

UNA VISITA DEL CENTRO STORICO, TRA STORIA, ARTE E TRADIZIONI

Il centro storico di Petralia Sottana ha vissuto nei secoli un’evoluzione architettonica e stilistica senza mai alterarne la sua originaria natura, che conosce nel XVII secolo la sua stagione più ricca e intensa. Vicoli stretti, portici, lunghe scalinate e pittoresche fontane, da dove sgorga copiosa ottima acqua di sorgente, caratterizzano le vie del centro storico, dove il selciato è intatto e l’asfalto non ha mai fatto comparsa. Si sviluppa attorno al nucleo del primitivo castello e della chiesa madre, rendendo la cittadina caratteristica nella sua forma “presepistica”. Il centro storico è sede del Percorso Geologico Urbano, il primo in Europa, che guida i visitatori in un museo diffuso. Altro punto di forza è il museo Antonio Collisani, con le sue sezioni archeologica e geologica. Tra le numerose chiese da segnalare la chiesa Madre seicentesca e la chiesa della SS. Trinità. Tra le tradizioni del borgo, il caratteristico Corteo Nuziale e il Ballo Pantomima della Cordella (la prima domenica dopo Ferragosto) costituiscono una particolare forma di spettacolo nel suggestivo scenario naturale di Petralia Sottana e sono ormai acquisiti alla storia, al folklore, alle tradizioni antichissime delle genti di Sicilia.

photo-2020-05-17-17-48-42

SCOPRIRE BOTTEGHE ARTIGIANALI E STORIE VIRTUOSE

Tra le strette stradine di Petralia Sottana si nascondono gioielli non solo storico-artistici ma anche artigianali, con botteghe dove si portano avanti tradizioni importanti e dove la maestria degli artigiani viene esaltata. Nella sua liuteria (Via G. Diaz 1/A, tel. 3285927309, info@inguaggiatoliuteria.com) il giovane Mirco Inguaggiato crea violini, viole, chitarre, mandolini e, caso forse unico tra i liutai, anche gli strumenti pastorali tradizionali, come zampogne e piffere. Rappresenta la quarta generazione di falegnami della sua famiglia, ma si è un po’ allontanato dal lavoro “canonico”. Fatale per lui è stato l’incontro con la musica, di cui è grande fruitore, oltreché esecutore, essendo un appassionato chitarrista e mandolinista. Tutti gli strumenti sono rigorosamente e pazientemente fatti a manoQui abbiamo raccontato la sua storia.

Antonio Casserà invece, nella sua maglieria (tel. 0921640784, maglificio_cassera@libero.it) si dedica alla produzione artigianale delle coppole, il copricapo tradizionale siculo di origine anglosassone che, ancora oggi, produce a mano ed esporta in tutto il mondo. Al fascino delle coppole artigianali, Diego e Andrea non hanno saputo resistere…

Tra le tante storie virtuose del territorio, c’è anche quella dell’associazione Teatro della Rabba, che sviluppa una fitta rete di attività culturali, opera di numerosi ragazzi e ragazze petralesi, che fanno attività sociali attraverso il teatro e non semplicemente del “teatro sociale”. Dal 2015 è divenuto un luogo di formazione permanente; il gruppo diffonde la cultura teatrale in tutto l’arco delle Madonie proponendo sia dei classici, come Čechov, sia pezzi sperimentali scritti autonomamente. Qui abbiamo raccontato la loro storia.

A PIANO BATTAGLIA, TRA ESCURSIONI, RIFUGI E PUNTI PANORAMICI

Nel cuore del Parco delle Madonie, a 1.600 m di quota, si trova lo storico rifugio del C.A.I. Sez. Conca d’Oro di Palermo intitolato alla memoria di Giuliano Marini (tel. 335 7772269, info@rifugiomarini.it). Situato in località Piano Battaglia, ai piedi del monte Mufara (1865 m s.l.m.), è la base di partenza per passeggiate ed escursioni in tutte le stagioni dell’anno. Questa frazione inserita in una pregevole cornice naturalistica, è un luogo che si presta per il turismo attivo e naturalistico. Ospita strutture per la pratica degli sport invernali (è la seconda stazione sciistica della Sicilia) ed è una frequentata meta turistica, con diverse strutture ricettive ed una caratteristica chiesetta dedicata alla Madonna delle Nevi. Tra i tanti sentieri, che portano a scoprire suggestivi punti panoramici dai quali ammirare anche il mare, c’è anche quello dedicato all’aquila reale.

Il progetto “Va’ dove ti porta il Touring” è realizzato in collaborazione con Hertz, storico partner di mobilità dell’associazione, che ha messo a disposizione del team un’auto per esplorare i borghi Bandiera arancione. Per conoscere le convenzione riservate da Hertz ai soci Tci basta consultare la pagina dedicata.

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Nelle Madonie, un “Apicoltore per caso”. La storia esemplare di Santo Sauro

Sicilia. Da domani le prenotazioni vaccino anti-Covid per la fascia 12-15 anni