Polizzi Generosa. Al via i lavori per un’area camper e la realizzazione di tre casette ecologiche

Dopo il lungo e laborioso iter amministrativo e tecnico, nei prossimi giorni avranno inizio due importanti lavori: la realizzazione dell’area camper nello spazio antistante il parco urbano “Falcone-Borsellino” di San Pietro e la realizzazione delle tre casette ecologiche per il corretto conferimento dei rifiuti lungo la SS 643 e la SP 119.

L’area camper, – dice il sindaco Gandolfo Librizzi – oltre a riqualificare uno spazio pubblico, consentirà a Polizzi di essere punto di riferimento per un importante settore turistico, attrattore di qualità per un vasto segmento di persone che potranno fruire di servizi per soggiornarvi.Le tre casette ecologiche avvieranno la nuova fase da tempo annunciata e documentata con diversi post. Al riguardo, la posizione dell’Amministrazione comunale è stata sempre chiara: “I cittadini devono essere coinvolti e responsabilizzati ma l’Amministrazione deve trovare le soluzioni più adeguate. La repressione e il sanzionamento devono essere solo l’ipotesi estrema per casi estremi. Essi da solo non risolvono il problema. Per questo devono essere introdotti sistemi in grado di premiare i cittadini che effettuano la raccolta differenziata, riducendo di fatto la Tari. Incentivare sempre più la differenziata attraverso l’uso di card che possano verificarne la correttezza dello smaltimento e così usufruire di uno sconto nella bolletta è la priorità”

tyryt

Il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nel territorio si contrasta sia attivando maggiori controlli sia con la sensibilizzazione della popolazione ma anche con la realizzazione di mini isole ecologiche dotate di sistema di rilevamento con l’uso di card personali per zone di residenzialità. Il motto che guiderà l’Amministrazione è: chi più differenzia meno paga!”.Da qui si è partiti e adesso – questo è solo il primo passo – si è in grado di concretizzare IL DISEGNO GENERALE in questo ambizioso progetto. Una casetta sarà collocata nella SP 119 nei pressi dell’ingresso del bosco “Sanguisughe”, le altre due lungo la SS 643. Una in contrada “San Giorlando”, l’altra in contrada “Santa Venera”.

Le casette saranno accessibili per i residenti nella vallata (o da chi ha proprietà o vi soggiorna stagionalmente), con un sistema di accreditamento della tessera sanitaria dei componenti del nucleo famigliare. Esse, inoltre, saranno dotate di un sistema di video sorveglianza in grado di dissuadere chi non è accreditato a lasciare l’immondizia fuori dalle strutture. Ai trasgressori saranno applicate severe sanzioni già introdotte dal Consiglio Comunale: da un minimo di 250 a un massimo di 750 euro.Un problema si risolve solo se l’Amministrazione pone le basi per un corretto servizio e i cittadini tutti collaborano. Senza queste due condizioni, non sarà mai possibile migliorare davvero la situazione.Una lettera specifica sarà recapitata a ogni singolo utente per coinvolgerlo fin da adesso nel nuovo percorso virtuoso.

photo-2020-09-30-21-28-57

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Restrizioni Covid. Annullato il corteo del Palermo Pride

Incidente per un motociclista che perde il controllo del mezzo vicino lo svincolo di Villabate