in , , , ,

L’On. Claudio Fava indica Maria Terranova tra gli elettori per le elezioni del Capo dello Stato

Coinvolgere i sindaci tra i grandi elettori come atto di attenzione e di coraggio istituzionale da parte dei presidenti delle Regioni è l’idea lanciata dall’Anci regionale. Così ecco che i primi cittadini dell’Isola rilanciano il tema, rivolgendosi ai 70 deputati di sala d’Ercole, chiamati il prossimo 12 gennaio ad eleggere la rosa dei tre nomi che voleranno a Roma il 24 gennaio per prendere parte al voto per l’elezione del Capo dello Stato.

Di prassi, i tre grandi elettori sono rappresentati dal presidente della Regione e da un esponente della maggioranza e uno dell’opposizione e — sempre per convenzione — finora i grandi elettori sono sempre stati componenti dei Consigli regionali. Ma si tratta appunto di una consuetudine: l’articolo 83 della Costituzione, infatti, non entra nel merito della questione.

tyryt

I deputati del M5S Stelle chiedono alle opposizioni di convergere su un nome del gruppo più numeroso all’Ars. Ma tra i temi legati ai delegati siciliani, spunta anche la questione di genere. A sollevarla è Claudio Fava, che invita i deputati a non eleggere una delegazione tutta al maschile.

Ad intervenire sull’argomento, il deputato de 100 passi all’Ars Claudio Fava, il quale nei giorni scorsi aveva raccolto l’invito dell’Anci Sicilia (associazione dei comuni Italiani) per proporre il nominativo di una sindaco Siciliano alla carica di Presidente della Repubblica. “Credo che l’appello dell’Anci vada raccolto“, sottolinea Fava, “sarebbe un segnale di maturità e di condivisione indicare tra i grandi elettori siciliani un sindaco. Ancor meglio una sindaca. Un nome lo faccio: Maria Terranova, giovane e brava sindaca di Termini Imerese” nonchè vicepresidente dell’ANCI nazionale. 

photo-2020-09-30-21-28-57

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Situazione Covid negli Ospedali di Palermo. Molti i codici rossi

Freddo e neve a bassa quota. Madonie nella morsa del gelo