in , , ,

Decathlon sarà anche a Palermo. Apertura prevista nel secondo semestre

Siglato il contratto che permetterà agli sportivi della zona di Palermo di accedere ai prodotti e servizi di Decathlon.
Prevista nel secondo semestre, questa nuova apertura si inquadra nei piani di sviluppo 2022 dell’Azienda e raggiunge un territorio in cui già da tempo sono nate relazioni di partnership con club e associazioni sportive.
“Palermo rappresenta un territorio molto ricco dal punto di vista delle occasioni per praticare sport: dalle attività acquatiche a quelle più legate all’outdoor, il contesto naturale offre molteplici scenari. Siamo fieri di aggiungere ai 6 negozi già aperti sull’Isola questo nuovo punto di incontro per sportivi e sportive” dichiara Cristiano Riccardi, Area Manager di Decathlon Italia.
Prosegue: “Il progetto sull’Isola non si estingue con l’apertura di un ulteriore punto vendita. L’obiettivo è andare oltre la vendita di prodotti ed istituire con il territorio relazioni proficue con tutte le realtà che abbiano a cuore la diffusione dello sport e della vita attiva: club, scuole, associazioni”.
La mission di Decathlon vive anche attraverso i propri servizi ed attività:

tyryt
  • 683 prodotti riparati nei laboratori siciliani nel 2021
  • 3 campi multipratica nelle aree antistanti i negozi (Melilli, Catania, Ragusa)
  • 2 progetti Fondazione, per il finanziamento di attività sportive accessibili in situazione
    di fragilità (Milazzo, Capo d’Orlando).

Con l’arrivo all’interno del CC Poseidon a Carini (Pa), su una superficie di oltre 2800 mq, l’Azienda completerà un’offerta fisica agli sportivi ed alle sportive siciliane con oltre 18.000 mq complessivi.
Il punto vendita di Carini (Pa) accoglierà 33 collaboratori e collaboratrici.

photo-2020-09-30-21-28-57

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Altri 92 Comuni in zona arancione

“Doppio salto” per la Sicilia. L’aumento dei ricoveri potrebbe essere fatale per il passaggio in zona rossa