in , , ,

E’ caos nella scuola siciliana, tra ordinanze dei sindaci e ricorsi al TAR

E’ caos nella scuola siciliana: tra ordinanze dei sindaci che dispongono il divieto di rientro tra i banchi, ricorsi e bocciature del Tribunale Amministrativo, la confusione è massima e si procede in ordine sparso.

Ieri l’Anci, trovando l’adesione di centinaia di Comuni, aveva dato indicazione ai sindaci di sospendere le lezioni in presenza fino a lunedì prossimo, nonostante la decisione della task force della Regione sul ritorno in classe da oggi, sostenendo che in assenza di dati certi sulla diffusione della pandemia fosse preferibile la Dad.

tyryt

Una linea che comincia a subire, però, le prime sconfessioni nelle aule di giustizia.
    Il Tar di Catania ha accolto l’istanza del comitato “Scuola in presenza” sospendendo l’efficacia dell’ordinanza del sindaco di Messina che aveva sospeso fino al 23 gennaio la didattica in presenza. Pertanto, dopo la prima giornata di oggi in Dad, da domani gli studenti torneranno in classe.
    Restano a casa, invece, i ragazzi di Catania che, salvo colpi di scena dell’ultim’ora, torneranno a scuola lunedì 17.
    In Dad, dopo le ordinanze dei sindaci anche gli studenti di Palermo e quelli agrigentini, in attesa che il Tar. sollecitato da un gruppo di genitori, decida sul ricorso contro i provvedimenti di chiusura. Per i ricorrenti il provvedimento amministrativo dei sindaci è illegittimo perchè la legge nazionale dispone la chiusura delle scuole solo in zone rosse o arancioni e previo parere dell’Asp. E Palermo e Agrigento al momento non sono classificate zone rosse o arancioni. Tesi condivisa anche dai prefetti di Palermo e Trapani (altra città in cui si vieta la didattica in presenza). (ANSA).

photo-2020-09-30-21-28-57

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Aggiornamento Covid. Aumenti a Bompietro,Collesano e Valledolmo

Lo sfogo di Musumeci. Indignazione dei partiti