in , , , ,

Geraci Siculo. Primo incontro sui temi socio-economici e amministrativi per L’Unione Democratica Geracese

Si è tenuta nei giorni scorsi, dopo la lunga e forzata pausa imposta dalle restrizioni pandemiche, la prima riunione in presenza, ma con la partecipazione di alcuni simpatizzanti anche da remoto, dell’Unione Democratica Geracese, gruppo di coordinamento del centro-sinistra di Geraci Siculo.
L’incontro, svoltosi presso la locale Camera del Lavoro della CGIL, è stata occasione proficua di dibattito e di confronto sia sulle tematiche di più largo respiro, attinenti alla politica internazionale e al momento di profonda crisi in atto, sia sugli argomenti più strettamente inerenti alle vicende locali e comprensoriali.
Sono stati analizzati, in particolare, sia il delicato momento che sta attraversando il territorio madonita, alle prese con l’imminente rinnovo di molte Amministrazioni comunali, sia la situazione socio-economica e politica di Geraci, ove sembra essersi ormai concretizzato un assopimento del dibattito sui grandi e importanti temi legati allo sviluppo del Borgo.
L’Unione Democratica Geracese ritiene quanto mai urgente che si ravvivi il clima di pubblica discussione circa il futuro politico-amministrativo e socio-economico del paese, a partire dai temi di più stretta attualità, quali, ad esempio, l’offerta turistica integrata che Geraci è in grado di proporre, la qualità e l’efficienza dei servizi sociali offerti, la funzionalità dei servizi pubblici.
A breve verranno indette una serie di iniziative su questi e altri argomenti, di cui si darà puntualmente conto, con la speranza di riuscire a superare il momento di stasi e riprendere a progettare il futuro di Geraci

eeee-1
tyryt

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Parco Avventura delle Madonie. La natura tra le vacanze estive dei ragazzi

Gangi. L’artigiano del tamburo Fabrizio Fazio inserito nel libro dei “Tesori umani viventi”