in , , , ,

E’ allarme incendi ad Agrigento. “Servono ordinanze sindacali per pulizia dei terreni incolti”

Lo hanno fatto anche nel corso di un incontro con il prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, voluto dalla Fns Cisl, guidata dal coordinatore territoriale Diego Motisi, “per sensibilizzare le coscienze comuni al rispetto all’ambiente, ma contestualmente, richiedere a tutti i comuni qualora non l’avessero ancora fatto, l’emanazione delle ordinanze sindacali di pulizia e scerbamento dei terreni. Non ultima l’azione sanzionatoria prevista dalla legge in materia di incendi boschivi e di interfaccia”.

“I cambiamenti climatici – argomenta Motisi – sono ormai sotto gli occhi di tutti e la Sicilia ne sta risentendo in maniera particolare. Ogni stagione estiva, complice le condizioni meteo e le temperature elevate, ma non ultima l’azione incosciente dell’uomo, vede vasti territori bruciare e i Vigili del Fuoco agrigentini, impegnati a spegnere incendi con le poche risorse umane e i mezzi disponibili, e un gran numero di richieste di interventi in coda. Ogni anno i danni ambientali ed economici sono incalcolabili ed irreparabili, per non parlare di perdite di vite umane, l’ultima purtroppo giorni fa nel nisseno, a causa di un incendio di sterpaglie”.

tyryt

“Sua eccellenza il prefetto – aggiunge la Fns Cisl – conosce bene la situazione carente degli organici operativi del Comando Provinciale VVF di Agrigento; in più occasioni e, con diverse modalità, ampiamente rappresentate dalla FNS CISL di Agrigento. Un importante segnale di contrasto al fenomeno, giunge dalla convenzione AIB 2022 Sicilia, che durerà per tutti i tre mesi estivi, ma la soluzione non è quella di continuare ad inseguire “…la follia di interessi criminali incendiari e il pressapochismo della gente… e le follie umane…” come scrive giustamente il nostro Comandante sull’Odg di apertura della campagna AIB 2022, per tale ragione, riteniamo che la prevenzione, svolge si, un ruolo primario, ma altrettanto importante è l’azione deterrente della sanzione e delle procedure di Legge in materia di incendi (artt. 423 e 423 bis CPP). In alcuni comuni da qualche anno, l’escalation degli incendi estivi è fortemente diminuito proprio grazie all’intervento della Procura di competenza che ha richiesto e ricevuto gli atti necessari”.

“Poiché il fenomeno si contrasta anche nelle sedi dei Tribunali, riteniamo questo passaggio, fondamentale – conclude Diego Motisi – per promuovere il rispetto per l’ambiente e quel senso civico che in generale, manca. Per quanto sopra, sicuri del pieno sostegno di sua eccellenza il prefetto di Agrigento, che ringraziamo, chiediamo ai sindaci dei Comuni agrigentini ed ai presidenti dei Liberi Consorzi Comunali, di emanare le ordinanze di prevenzione incendi, di pulizia dei terreni incolti e scerbatura dei margini stradali. Invitiamo tutte le parti interessate, ognuno per le proprie competenze, alla collaborazione e all’adempimento di tutti i provvedimenti tesi a contrastare il fenomeno degli incendi boschivi, individuando le proprietà dei terreni tramite anche visure catastali, e trasmettendo gli atti alle Procure di Agrigento e Sciacca per gli opportuni provvedimenti sanzionatori previsti dalla legge”.

eeee-1

What do you think?

Written by madonienews

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Autotrasportatori, in Sicilia contributi per chi attraversa lo Stretto

Festa della Musica 2022, il programma del 21 giugno all’aeroporto di Trapani Birgi